Sei in: Pubblicazioni | News | Nell'Italia delle culle vuote, una voce fuori dal coro

Nell'Italia delle culle vuote, una voce fuori dal coro

 

A Bergamo e provincia  non solo non si parla di culle vuote, ma, al contrario, le nascite sono in aumento. Le ragioni sono tante. Fatto sta che la statistica pubblicata dal quotidiano "Il 24 Ore" rivela che  ci siamo classificati al settimo posto in Italia  per numero di nascite. In controtendenza con le altre città italiane. L’Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate, che serve un bacino d’utenza territoriale di 350.000 persone su tutto il territorio bergamasco, ( oltre Seriate,  la Valle Seriana, la Valle Seriana Superiore, la Valle di Scalve, l'Alto Sebino, il Basso Sebino e la Valle Cavallina) registra un incremento significativo dei nati nel 2007 nei suoi tre punti nascita (Ospedali di: Seriate, Alzano L.do e Clusone). Il 3,4% in più rispetto all’anno precedente. Dai 2930 parti su è passati a 3031. All’ospedale di Seriate la crescita è stata del 5,4% (da 1372 a 1445), all’Ospedale di Alzano di è passati a 1075 a 1102, con un incremento del 2,5%. Solo un parto in più all’ospedale di Clsuone, passato da 483 a 484 nascite. Sono anche gli stranieri a incrementare il numero dei nuovi bimbi. Infatti all’Ospedale di Seriate ben il 34% dei nuovi nati è straniero, ad Alzano il 18% e a Clusone più del 25 %.Le straniere non solo fanno più figli ma li fanno anche prima: il picco massimo di fecondità delle immigrate che vivono in Italia si registra all'età di 22 anni, con un tasso di 180 per ogni mille donne. Per trovare il picco massimo delle italiane bisogna andare più in là: il punto più alto si registra a 31 anni, ma non raggiunge il valore di 100 per ogni mille potenziali mamme.I tre ospedali dell’Azienda risultano attrattivi anche per una serie di servizi offerti alle mamme e neomamme non italiane: in particolare  è stato pubblicato materiale informativo tradotto in 10 lingue (inglese, francese, spagnolo, arabo, romeno, albanese, serbo-croato, cinese, hindi e punjabi) circa i servizi offerti dall'ospedale, le modalità di preparazione degli esami, alcuni protocolli medici, come le Note informative per i pazienti diabetici, e i comportamenti o stili di vita da seguire durante determinate terapie o parto e allattamento, verso cui l'utenza straniera ha dimostrato soddisfazione.

 

ultima modifica 02 settembre 2008